"Meno male che ho amato la tristezza
soprattutto la tristezza che c’è nell’occhio delle pietre
del mare dell’essere umano
e ho amato la gioia improvvisa"

NAZIM HIKMET